"I consultori familiari in questi quarant’anni si sono posti a fianco delle famiglie con l’attitudine del buon samaritano, aiutandole ad attraversare le numerose sfide che hanno contrassegnato l’attuale cambiamento d’epoca."

foto header 1904x365 giallo chiaro

Per consentire la riapertura al pubblico dei servizi consultoriali si segnalano le principali azioni da tenere per garantire la salute e la sicurezza di utenti e operatori al fine di ottemperare efficacemente alle misure previste dalle Autorità pubbliche durante la fase 2 dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Queste linee guida riguardano, nello specifico, le misure da adottare per tutte le tipologie di consulenza erogate in ambito consultoriale, fatta eccezione per le prestazioni mediche (ostetrico-ginecologiche e pediatriche) che impongono al personale sanitario e ai responsabili delle strutture l’osservanza delle prescrizioni previste dalla normativa vigente e dal Ministero della Salute alle quali si rinvia.

Informazione

Bisogna fornire chiaramente queste informazioni, magari redigendo un documento - da far sottoscrivere all’utente e controfirmare agli operatori - comprensivo dell’autorizzazione al trattamento dei dati anche sensibili relativi alla persona dell’utente e all’oggetto della richiesta consulenza per le finalità ad esso afferenti (legge sulla privacy):

  1. l’obbligo di rimanere al proprio domicilio in caso di febbre (oltre 37.5°) o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria competente per Regione;

  2. la consapevolezza e l’accettazione del fatto da parte dell’operatore di non poter fare ingresso e/o permanere in consultorio, con obbligo di comunicazione tempestiva, nel caso in cui, anche successivamente all’ingresso, emergano le condizioni di pericolo (sintomi di influenza, temperatura corporea > 37,5 C°, provenienza da zone a rischio o contatto con persone sicuramente positive al virus nei 14 giorni precedenti, soggetti già in sorveglianza attiva durante il periodo contumaciale da parte delle rispettive ASL, etc.). Condizioni che impongono, in base ai provvedimenti vigenti, di informare il medico di famiglia o l’Autorità sanitaria competente per Regione;

  3. l’impegno a rispettare tutte le disposizioni delle Autorità nell’accesso in consultorio, in particolare, mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro (o secondo quanto le disposizioni regionali prevedano), utilizzare mascherine e guanti monouso, osservare le regole di igiene delle mani;

  4. l’impegno a informare tempestivamente della presenza di qualsiasi sintomo influenzale durante l’espletamento della prestazione, avendo cura di rimanere ad adeguata distanza dalle persone presenti.

Ingresso in consultorio e nuova organizzazione del lavoro

L’ingresso in consultorio di operatori già risultati positivi all’infezione da COVID-19 deve essere preceduto da una preventiva comunicazione avente ad oggetto la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione” del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal dipartimento di prevenzione territoriale di competenza.

L’articolazione del lavoro potrà essere ridefinita con orari differenziati che favoriscano il distanziamento sociale riducendo il numero di presenze in contemporanea nei locali del consultorio e prevenendo assembramenti all’entrata e all’uscita con flessibilità di orario. È necessario favorire orari di ingresso/uscita scaglionati.

Modalità di accesso degli utenti

  • ricevere sempre per appuntamento, richiedere l’utilizzo di mascherine chirurgiche e guanti monouso e ridurre il tempo di attesa nelle sale di aspetto che possono essere attrezzate con appositi divisori mobili;
  • individuare servizi igienici dedicati agli utenti, prevedendo il divieto di utilizzo di quelli riservati agli operatori e garantendo una adeguata pulizia giornaliera e l’utilizzazione di materiale monouso. Occorrerà pertanto valutare attentamente le richieste degli utenti ove non si disponga di servizi dedicati.

DPI e sanificazione

  • va assicurata la pulizia giornaliera degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni, invitando ad utilizzare detergenti a base di alcool. Occorre garantire la pulizia a fine giornata/turno dei locali e la sanificazione periodica di tastiere, schermi touch, mouse con adeguati detergenti;
  • si devono mettere a disposizione idonei mezzi detergenti a base di alcool per le mani che devono essere accessibili a tutti gli operatori e agli utenti anche grazie a specifici dispenser;
  • strumento di base per la prevenzione del contagio è la mascherina, obbligatoria per utenti e operatori;
  • gli ambienti devono essere areati frequentemente per favorire il ricambio naturale dell’aria.
  • gli impianti di climatizzazione devono essere sanificati da imprese certificate, deve essere eliminata totalmente la funzione di ricircolo dell’aria condizionata per evitare l’eventuale trasporto di agenti patogeni.

Riunioni, eventi interni e formazione

  • è preferibile non svolgere riunioni in presenza, ma quando queste sono connotate dal carattere della necessità e urgenza, nell’impossibilità di collegamento a distanza, dovrà essere ridotta al minimo la partecipazione necessaria e, comunque, dovranno essere garantiti il distanziamento interpersonale di almeno un metro e un’adeguata pulizia/areazione dei locali;
  • le riunioni d’equipe dovranno essere effettuate quindi in locali ampi e con tavoli di congrue dimensioni che permettano il distanziamento a posti alternati dei partecipanti che dovranno comunque indossare mascherina chirurgica e guanti monouso;
  • sono sospesi e annullati tutti gli eventi interni e ogni attività di formazione in modalità in aula, anche obbligatoria, anche se già organizzati;
  • è comunque possibile, qualora l’organizzazione del consultorio lo permetta, effettuare la formazione a distanza.

a cura della Commissione Giuridica

Notizie in evidenza

Al via dal 1° luglio il progetto nazionale "Rete che ascolta"
Attivo dal 1° Luglio 2020 il grande progetto sinergico realizzato dall'Ufficio della Pastorale Familiare della CEl, dalla Confederazione dei Consultori Familiari di Ispirazione Cristiana (CFC) e dall'Unione Consultori Prematrimoniali e Matrimoniali (UCIPEM), dalla Caritas Italiana e dall’Ufficio Catechistico Nazionale Disabili: “RETE CHE ASCOLTA”!
Leggi tutto...
Carissimi, abbiamo attraversato un periodo difficile e complesso...
L'augurio della presidente Prof.ssa Livia Cadei per l'inizio di questa nuova fase di attività a sostegno delle famiglie.
Leggi tutto...
Linee guida per la riapertura dei Consultori durante la fase 2 dell’emergenza da COVID-19
Per consentire la riapertura al pubblico dei servizi consultoriali si segnalano le principali azioni da tenere per garantire la salute e la sicurezza di utenti e operatori al fine di ottemperare efficacemente alle misure previste dalle Autorità pubbliche durante la fase 2 dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.
Leggi tutto...
Relazione sull'operato della Commissione EMERGENZA
Creata, all’indomani del DL 6/2020 e dei successivi DPCM, dal Consiglio Direttivo della Confederazione Italiana Consultori Familiari di Ispirazione Cristiana (CFC) presieduto dalla prof.ssa Livia Cadei, la Commissione per l’Emergenza è stata coordinata dalla Vicepresidente della CFC dott.ssa Agata Pisana.
Leggi tutto...
La scuola spiata
Uno tsunami si è abbattuto sulla scuola. Appena iniziato, il secondo semestre si è bruscamente interrotto. Nessun preavviso ad insegnanti, studenti e famiglie per prepararsi a questo fenomeno.
Leggi tutto...
REGOLA e DIVIETO nel tempo di Coronavirus
Regola e divieto, divieto e sanzione, sono spesso state presentate (e spesso vengono ancora intese) quali endiadi per esprimere il senso del diritto. Inducendo a pensare che la sanzione sia necessaria al divieto e che il divieto sia l’unico modo di darsi di una regola, soprattutto se giuridica perché coattiva, giuridica in quanto coattiva.
Leggi tutto...
Nella CFC spira vento nuovo
Il 25 gennaio scorso, attraverso i presidenti delle Federazioni regionali e i delegati da esse designati erano rappresentati tutti gli oltre 200 Consultori di ispirazione cristiana dislocati in ogni parte d’Italia.
Leggi tutto...

Mappa dei consultori

copertina mappaLa ricorrenza del quarantesimo anniversario di costituzione della Confederazione italiana dei consultori familiari di ispirazione cristiana rappresenta un appuntamento propizio per fare memoria grata delle nostre radici e per cogliere i frutti preziosi della lungimirante iniziativa di istituire specifici servizi per la famiglia.
La pubblicazione della Rubrica dei consultori familiari di ispirazione cristiana in occasione del 40° anniversario della Confederazione desidera far conoscere l’articolazione dei consultori familiari che in questi quarant’anni hanno impreziosito territorio nazionale. Al fine di facilitarne il reperimento e la fruizione da parte delle famiglie, i consultori familiari sono indicati su base regionale e rappresentati secondo le rispettive Federazioni regionali.
La Rubrica dei consultori familiari è un importante strumento di lavoro intento a favorire lo scambio di esperienze e la comunicazione tra i vari Organi della Confederazione, le Federazioni regionali e i Consultori familiari presenti sul territorio nazionale.

Clicca QUI per scaricare la mappa dei consultori in formato PDF...

fumetto News Nazionali

fumetto News Federazioni

fumetto News Commissioni

libro La rivista

rivista copLa rivista Consultori Familiari Oggi, organo della Confederazione dei Consultori Familiari di Ispirazione cristiana, giunta oggi (2019) al suo ventisettesimo anno di pubblicazione, è un utile strumento interdisciplinare di confronto scientifico e di formazione sulle tematiche relative alla coppia, alla famiglia, al rapporto genitori-figli, alla relazione di aiuto nei servizi per la famiglia.

La rivista si propone come strumento di confronto scientifico sulla cultura della famiglia oggi e di formazione per gli operatori che lavorano con e per la famiglia; di diffusione dei risultati di ricerche scientifiche nell’ambito delle problematiche familiari in una prospettiva interdisciplinare; di diffusione di documenti di particolare rilevanza inerenti le problematiche familiari; di segnalazione di volumi di particolare interesse sui temi della famiglia.

Il progetto editoriale prevede 2 fascicoli annuali, per circa 300 pagine, articolati in diverse rubriche. Su questo sito sarà disponibile un archivio degli articoli pubblicati sulla rivista nelle annate precedenti a quelle in corso.

Sul sito dedicato a Consultori Familiari Oggi https://consultorifamiliarioggi.it/ è possibile visualizzare le annate della rivista suddivise per numero, consultare ed effettuare il download dei singoli articoli o del numero intero.

Per l’abbonamento alla rivista (in formato cartaceo, digitale, cartaceo + digitale), è possibile fare riferimento al sito di Àncora Editrice.

uff naz past fam 1

laici fam

forum ass fam

cicrnf

ucipem

Contatti

Confederazione Italiana Consultori Familiari di ispirazione Cristiana (ONLUS)

Largo F. Vito n.1 - 00168 Roma

Tel. +39.06.3017820
Mail: cfcroma@libero.it - 
cfc-rm@unicatt.it

C.F. 97092240585 

Seguici su

fb bianco3

Cerca nel sito

Privacy Policy Cookie Policy